Girando in rete ho trovato questo interessante vademecum pubblicato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Lucca contenente domande e risposte inerenti il processo telematico

PCT DOMANDE E RISPOSTE AI DUBBI PIU’ COMUNI
A cura di Nicola Gargano

1) QUALI SONO GLI ATTI CHE DEVO DEPOSITARE IN VIA TELEMATICA?

Al momento in cui si scrive, gli atti che devono obbligatoriamente depositarsi in via telematica sono
solo gli atti delle parti già costituite e i ricorsi per decreto ingiuntivo nei procedimenti civili (anche
lavoro), contenziosi o di volontaria giurisdizione, esecuzioni e dal 31.3.2015 sarà obbligatorio il
deposito della nota di iscrizione a ruolo nelle procedure esecutive promosse dopo l’11 dicembre
2014.
Nelle procedure concorsuali le predette disposizioni si applicano esclusivamente al deposito degli
atti e dei documenti da parte del curatore, del commissario giudiziale, del liquidatore, del
commissario liquidatore e del commissario straordinario.
Rimangono pertanto esclusi gli atti introduttivi e di costituzione in giudizio per cui vi è facoltà di
deposito telematico solo in quei Tribunali autorizzati ai sensi di decreto dirigenziale ex art. 35 DM
44/2011. (presso il Tribunale di Bari tale decreto consente il deposito telematico facoltativo delle
comparse di costituzione).
In caso di deposito telematico di atti non ricompresi in quelli obbligatori o nel decreto DGSIA del
singolo tribunale il deposito verrà comunque accettato ai sensi della circolare ministeriale del
27.6.2014 ma la sua legittimità sarà rimessa alla valutazione del giudice. (si segnala giurisprudenza
contrastante sul punto)
Nelle Corti di Appello l’obbligo di deposito telematico degli atti per le parti precedentemente
costituite scatterà il prossimo 30.6.2015.
Sono al momento totalmente esclusi dal Processo Civile Telematico la Corte Suprema di
Cassazione e gli uffici dei Giudici di Pace.

2) QUALI SONO LE NORME DI RIFERIMENTO DEL PROCESSO CIVILE
TELEMATICO?

Al contrario di quanto si possa pensare, il processo civile telematico non è nato in 30.6.2014 e le
norme di riferimento risalgono al 2001. Nella risposta al presente quesito non intendo inserirle tutte
ma semplicemente una selezione tra quelle in vigore al momento in cui si scrive e di cui è
consigliata la lettura. Molte delle seguenti norme sono reperibili sul portale dei servizi telematici
nell’area dedicata alla normativa
‐ Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (Codice Dell’Amministrazione Digitale)
‐ Decreto Ministro della Giustizia n. 44 del 21.2.2014
‐ Decreto Legge n. 179/2014 convertito con modificazioni dalla L. 17 dicembre 2012, n.
221 e modificato dal D.L. 90/2014 e dal D.L. 132/2014 (articoli da 16 a 18 giustizia
digitale)
‐ Legge 53/1994 (notifiche in proprio) modificata dall’articolo 25, comma 3, lettera b),
della L. 12 novembre 2011, n. 183, e successivamente dalla Legge 24.12.2012 n° 228 ,
G.U. 29.12.2012 (legge stabilità 2013) e successivamente dal D.L. 90/2014
‐ D.L. 90/2014 Conv. legge con modificazioni n. 114 dell’11 agosto 2014 (Articoli da 44
a 54)
‐ D.L. 132/2014 Conv. legge con modificazioni dalla L. 10 novembre 2014, n. 162
‐ DPCM 13/11/2014, n.78954 – Gazzetta Uff. 12/01/2015, n.8

3) COME REDIGO L’ATTO PRINCIPALE?

L’atto principale deve essere redatto con un normale elaboratore testi e convertito in formato .PDF
testuale (tutti i moderni software di elaborazione testi posseggono tale funzionalità, in alternativa è
possibile utilizzare software gratuiti di conversione). Non è consentito stampare l’atto, scansionarlo
e allegarlo come .PDF IMMAGINE. I nomi dei file non possono contenere caratteri speciali ed è
opportuno utilizzare al posto degli spazi il segno “_”. E’ opportuno rimuovere dall’atto elementi
attivi e collegamenti ipertestuali anche al proprio indirizzo PEC. Si ricorda che ai sensi dell’art.
45bis del D.L. 90/2014 non è più necessario inserire nell’atto (fatto salvo il ricorso e controricorso
in cassazione ai sensi dell’art. 366 c.p.c.) il proprio indirizzo PEC ma solo il numero di FAX.

4) COME REDIGO IL RICORSO PER DECRETO INGIUNTIVO TELEMATICO?

Come per qualsiasi altro atto telematico il ricorso dovrà essere redatto come indicato nella domanda
che precede. In caso di ricorso avente ad oggetto la consegna di beni, il bene indicato nel testo del
ricorso deve essere specificato il più precisamente possibile, in modo che nel decreto del Giudice
sia possibile far riferimento a “il bene di cui al ricorso” senza possibilità di errori di trascrizione.
E’ opportuno, pertanto, non limitarsi a dire “il bene di cui alla fattura allegata” o simili dizioni che
impediscono l’inserimento della frase “di cui al ricorso”, perché non sono sufficientemente
specifiche.
In caso di richiesta della provvisoria esecuzione è opportuno inserire tale richiesta oltre che nella
apposita sezione della consolle utilizzata, nel nome del file e nell’intestazione dell’atto utilizzando
la dicitura “immediatamente esecutivo” subito dopo le parole “ricorso per decreto ingiuntivo”, al
fine di ottenere una maggiore visibilità lato software del Giudice.

5) COME INSERISCO GLI ALLEGATI? DEVO FIRMARLI?

Gli allegati possono essere scansionati ed eventualmente inseriti all’interno di un file compresso. I
formati accettati nel pct sono diversi (.pdf, .rtf, .txt, .jpg, .gif, .tiff, .xml. zip, .rar. e .arj); tuttavia è
buona prassi limitarsi ad utilizzare i formati .pdf o .jpg. Possono essere allegati file già firmati
digitalmente purchè il redattore in uso lo consenta. Possono essere allegati file in formati compressi
zip, rar, arj contenenti file nei formati ammessi. Possono essere allegati file in formato eml o msg
contenenti file nei formati ammessi. Non sono ammessi file audio o video
Anche gli allegati non possono contenere caratteri speciali e sarà opportuno utilizzare al posto degli
spazi il segno “_”. Al fine di garantire una maggiore visibilità lato magistrato è opportuno allegare
un file per ogni documento che si desidera offrire in comunicazione indicando nel nome del file il
numero di riferimento e la descrizione indicate nell’indice documenti. (l’indice documenti dovrà
essere redatto con un elaboratore testi e convertito in pdf come l’atto principale)
Devono essere necessariamente firmati il file “dati atto.xml”, l’atto principale, la procura alle liti, la
nota di iscrizione a ruolo e tutti i documenti che si firmerebbero in un deposito cartaceo. Gli allegati
semplici non devono essere firmati, ma – tuttavia – la firma non è causa di blocco o altro problema
tecnico.

6) COME FACCIO SE LE DIMENSIONI DELLA BUSTA ECCEDONO I 30 MEGA?

In primo luogo è opportuno assicurarsi di aver scansionato i documenti ad una risoluzione non
troppo alta. Tutti i più comuni scanner consentono di impostare la risoluzione che in genere è
preimpostata per una qualità alta e a colori. Nella mia esperienza personale, ove non sia necessaria
una scansione in qualità alta, imposto lo scanner ad una risoluzione di 200×200 DPI in bianco e
nero.
Tuttavia, in caso di superamento delle dimensioni massime potrà essere effettuato un secondo invio
(specificando il numero di RG del procedimento) entro i termini di scadenza (in caso di atto in
corso di causa) o dopo aver ottenuto il numero di ruolo (nel caso di atto introduttivo). In ogni caso
tutti i documenti dovranno essere preventivamente indicati nell’indice documenti allegato al primo
deposito. Per il secondo invio si potrà utilizzare come tipo di atto “memoria generica” o se la
richiesta di produzione documentale provenga dal giudice, ad esempio nel caso in cui il Giudice
dovesse emettere un provvedimento di sospensione del giudizio, “produzione documenti richiesti
dal giudice” (NB: le denominazioni possono variare a seconda del tipo di consolle utilizzata). Come
atto principale potrà essere inserita una semplice nota di deposito specificando che a seguito
dell’atto già depositato telematicamente si invia l’ulteriore documentazione già inserita nell’indice e
allegando l’elenco dei documenti inseriti nella busta integrativa.

7) COME FACCIO AD ESTRARRE COPIA DEI DOCUMENTI PRODOTTI DAL
RICORRENTE PRIMA DI INTROITARE IL GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO
INGIUNTIVO?

Qualora la controparte non fosse costituita (in particolare in caso di opposizione a decreto ingiuntivo
telematico) sarà possibile scaricare l’atto principale e i documenti allegati da POLISWEB-PCT
inviando telematicamente, mediante il proprio redattore atti, una istanza di accesso al fascicolo con
allegata procura e scansione del ricorso per decreto ingiuntivo notificato al proprio assistito. Il tipo
di atto che dovrà essere selezionato nel redattore è denominato “AttoRichiestaVisibilita”. Dopo
l’accettazione della busta il fascicolo sarà visibile tra i fascicoli personali all’interno di polisweb.
L’atto principale potrà essere redatto secondo il seguente schema:

T R I B U N A L E D I _________
Giudice dott. _________ – RG. _________ – N. DI_____
ISTANZA DI ACCESSSO AL FASCICOLO
Il sottoscritto Avv. _________ (CF______) in qualità di difensore della______ (CF_________) in
virtù di procura allegata al presente atto
CHIEDE
L’accesso al fascicolo monitorio telematico della procedura indicata in epigrafe, mediante
associazione del proprio codice fiscale, quale difensore, alla parte debitrice ingiunta.
Tanto al solo scopo di visionare i documenti allegati al ricorso per ingiunzione per una eventuale
opposizione ed impregiudicata ogni facoltà.
Si produce la seguente documentazione:
1) mandato
2) ricorso per decreto ingiuntivo notificato
Luogo e data Avv. ___________

8) COME INSERISCO IL CONTRIBUTO UNIFICATO?

Unitamente all’invio telematico dei ricorsi, il pagamento relativo al contributo unificato e relativi
diritti, come previsto dalla normativa vigente (DM Giustizia 44/2011 e C.A.D. D.Lgs 82/2005 e
succ. mod.) può essere effettuato per via telematica.
I soggetti abilitati (avvocati) possono richiedere il pagamento telematico delle spese di giustizia
attraverso il Portale dei Servizi Telematici ed effettuare il pagamento attraverso i prestatori di
pagamento convenzionati (UNICREDIT CREDIT MANAGEMENT BANK S.p.A., Poste Italiane,
Intesa-San Paolo, ICBPI). Il sistema restituirà una ricevuta (RicevutaTelematica.xml), che potrà
essere esibita nei file allegati al ricorso.
E’ temporaneamente consentito il pagamento del contributo unificato tramite BOLLETTINO
POSTALE, MARCA LOTTOMATICA, MODELLO F23, previa acquisizione tramite scanner e
allegazione alla busta telematica del ricorso al quale si riferisce.
In tal caso, deve essere riportato nel nome del file il numero della matrice della/e marca/marche
(Lottomatica) e un nome significativo, come ad esempio i nomi delle parti ricorrente e resistente, in
tutti gli altri casi (bollettino postale e modello F23). In quest’ultimo caso si precisa che con Ordine
di Servizio n. 46/14 del Dirigente Amministrativo Dott. Carlo Lucio dello Russo si è disposto che,
prova del pagamento del contributo unificato dovrà tempestivamente essere depositata in
cancelleria, e che il ricorso non verrà assegnato sino all’adempimento di tale onere.

9) COME ALLEGO LA PROCURA ALLE LITI POSSO INSERIRLA A MARGINE O IN
CALCE ALL’ATTO?

No. La procura alle liti dovrà essere conferita su foglio separato, firmata dal cliente e autenticata in
forma cartacea dall’avvocato. Successivamente l’avvocato provvederà a scansionare la procura e
allegarla come file separato firmandola digitalmente per autentica. Si riporta per maggiore chiarezza
il quinto comma dell’articolo 18 del dm 44/2011:
“La procura alle liti si considera apposta in calce all’atto cui si riferisce quando e’ rilasciata su
documento informatico separato allegato al messaggio di posta elettronica certificata mediante il
quale l’atto e’ notificato. La disposizione di cui al periodo precedente si applica anche quando la
procura alle liti e’ rilasciata su foglio separato del quale e’ estratta copia informatica, anche per
immagine.”

10)COME RICHIEDO LE COPIE CONFORMI DEL DECRETO INGIUNTIVO?

L’art. art. 16 bis comma 9 bis del dl 179/2012 come modificato da D.L. 90/2014 attribuisce agli
avvocati la facoltà di autenticare le copie informatiche di atti di parte e provvedimenti del
magistrato presenti nel fascicolo telematico di Tribunali e Corti di Appello, siano esse native
digitali o derivanti da scansione di atti cartacei. Rimane esclusa la facoltà di autenticare
provvedimenti giudiziali che autorizzano il prelievo di somme di denaro vincolate all’ordine del
giudice e la copia esecutiva, il cui rilascio, rimane prerogativa del cancelliere. Tale autentica, non
comporta l’onere di pagamento di alcun diritto di copia. Secondo quanto statuito da una circolare
del ministero della giustizia del 27.10.2014 il potere di autentica si estenda a tutti gli atti contenuti
nei fascicoli informatici, indipendentemente dalla data di instaurazione del procedimento o di
deposito del singolo atto o documento.
Per autenticare la copia sarà necessario accedere con il proprio dispositivo di firma digitale all’area
riservata del Portale dei Servizi Telematici (http://pst.giustizia.it) o al proprio punto di accesso e,
dopo essersi posizionati sul proprio fascicolo e aver scaricato i provvedimenti in formato pdf, gli
stessi potranno essere utilizzati ad uso notifica o appello sia in forma cartacea che telematica.
Per l’utilizzo In forma cartacea basterà dunque stampare l’atto (se l’atto è firmato digitalmente
riporterà a margine una “coccardina” contenente gli estremi del firmatario) e congiungerlo (per
eccesso di zelo si può utilizzare il timbro di studio per congiungere le pagine) all’attestazione di
conformità per la quale non sono previste particolari forme e di cui si riporta un esempio:

Attestazione di conformità ai sensi dell’art. 16 bis comma 9 bis D.L. 179/2012
Il sottoscritto Avv. __________ in qualità di difensore di________, nel procedimento promosso
presso il Tribunale di ________ RG __________, attesta la conformità della presente
sentenza/decreto/ricorso e pedissequo n. _______ emesso dal Tribunale di _______ in data
________ Giudice_________ composta da ____ pagine ai corrispondenti atti contenuti nel
fascicolo informatico ai sensi dell’art. 16 bis comma 9 bis del decretolegge 18 ottobre 2012, n. 179,
convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221 come modificato dall’articolo
52 del decreto-legge n. 90 del 24 giugno 2014.
Luogo e Data Avv. ___________

N.B: Il file contenente un provvedimento del giudice, potrebbe essere privo del numero cronologico
del provvedimento e della data di pubblicazione che sono tuttavia reperibili nella riga di polisweb
associata all’atto e potranno dunque essere inserite nell’attestazione di conformità.

11)HO FIRMATO DIGITALMENTE L’ATTO MA NON VEDO LA COCCARDA, COME
FACCIO AD APRIRE IL FILE FIRMATO DIGITALMENTE LA CUI ESTENSIONE È
.P7M?

Firmando un file digitalmente al di fuori del redattore, ad esempio qualora volessimo inviare una
notifica o semplicemente una diffida a mezzo PEC, non utilizzeremo il nostro redattore atti ma
firmeremo l’atto attraverso l’applicativo di firma preinstallato sulla nostra chiavetta (i più comuni
sono Dike e Arubasign)N.B: nel firmare gli atti ci viene proposto il certificato di firma riconoscibile
per la presenza del nome e cognome per esteso e da non confondere con il certificato di
autenticazione riconoscibile per la presenza del solo codice fiscale. I file così firmati potranno
essere muniti di firma grafica (c.d. PAdES-BES o PAdES Part 3) o più utilizzata (CAdES-BES) in
genere tipologia di firma predefinita nei software di firma. Solo nel primo caso il file presenterà una
rappresentazione grafica della firma, mentre nel secondo caso (CADES) il file presenterà un
estensione .p7m e potrà essere aperto mediante la funzionalità di verifica offerta dallo stesso
software di firma. (esistono in alternativa ulteriori utilità per aprire e verificare il file firmati
digitalmente in formato .p7m come ad esempio Verificatore On Line Actalis

https://vol.actalis.it/volCertif/home.html , Verificatore On Line Infocert
https://www.firma.infocert.it/utenti/verifica.php ,Verificatore On Line PosteCert
https://postecert.poste.it/verificatore/service?type=0 , Verificatore On Line Notariato
http://vol.ca.notariato.it/verify )

In quest’ultimo caso il file firmato non presenterà alcuna segnatura e sarà solo possibile stampare il
rapportino di verifica.
La “coccardina” viene invece visualizzata esclusivamente sugli atti depositati telematicamente
dall’avvocato o sui provvedimenti dei magistrati firmarti digitalmente ed è generata dal software
ministeriale in un momento successivo al deposito telematico.
Inizialmente la «coccardina» era contenuta solo nei file visualizzati lato tribunale (cancelleria e
magistrato) e negli allegati delle comunicazioni di cancelleria effettuate a mezzo PEC.
Non era infatti prevista alcuna «coccardina» nei file .pdf scaricati da punto di accesso o pst che,
tuttavia, pur non presentando tale elemento grafico, sono copie del file originale firmato
digitalmente. Tali copie, ai senti dell’art. 16bis possono essere autenticate dall’avvocato, anche se
tale firma non è rappresentata all’interno del documento da alcun elemento grafico.

12) QUANDO SI PERFEZIONA IL DEPOSITO TELEMATICO?

A differenza di una normale PEC il deposito telematico si compone di ulteriori 2 ricevute per un
totale di 4. Ai sensi del comma 7 dell’art. 16bis del D.l. 179/2012, il deposito con modalità
telematiche si ha per avvenuto al momento in cui viene generata la ricevuta di avvenuta consegna
da parte del gestore di posta elettronica certificata del ministero della giustizia. Il deposito è
tempestivamente eseguito quando la ricevuta di avvenuta consegna è generata entro la fine del
giorno di scadenza e si applicano le disposizioni di cui all’articolo 155, quarto e quinto
comma, del codice di procedura civile.
La seconda ricevuta (Ricevuta di Avvenuta Consegna) sarà dunque l’equivalente del timbro
depositato, tuttavia l’iter perfezionativo del deposito prosegue con ulteriori due ricevute ovvero,
l’esito dei controlli automatici e l’intervento manuale del cancelliere. Pertanto se dal punto di vista
dei termini possiamo stare tranquilli al momento della ricezione della seconda PEC dobbiamo
essere consapevoli che il deposito non sarà visibile al magistrato e alle altri parti costituite se non
dopo l’arrivo della quarta PEC.

13)HO INVIATO UN DEPOSITO TELEMATICO E HO RICEVUTO SUBITO LE PRIME
DUE RICEVUTE MA MANCA LA TERZA POSSO STARE TRANQUILLO?

Come specificato sopra la seconda ricevuta ci garantisce dal punto di vista legale, mentre la terza,
pur contenendo l’esito controlli tecnico-formali sul deposito, può giungere anche oltre il termine
della scadenza non inficiando in alcun modo il termine del deposito.
Non ci si deve dunque preoccupare se la terza ricevuta non arriva nello spazio di pochi minuti
dall’invio telematico, poiché i tempi dipendono da molti fattori tra cui la coda di depositi e i relativi
tempi di smaltimento da parte dei server ministeriali distrettuali.
Vi possono essere dunque anche ritardi di molte ore nella ricezione della terza ricevuta e
successivamente della quarta i cui tempi dipendono esclusivamente dalla cancelleria.

14) COSA SUCCEDE SE LA TERZA PEC CONTIENE ERRORI?

l’articolo 14 d.m. 44/2011 sancisce che, il rigetto del deposito da parte dell’ufficio, non impedisce il
successivo deposito entro i termini assegnati o previsti dalla vigente normativa processuale dal
codice di procedura civile, ne consegue che essendo nei termini è possibile eseguire un nuovo
deposito. In caso contrario sarà opportuno depositare una istanza di rimessione in termini allegando
la ricevuta di avvenuta consegna avendo cura di salvare la stessa in formato .eml o .msg e non come
stampa pdf o scansione. Nella istanza di rimessione in termini sarà opportuno specificare che il
deposito si è perfezionato con la ricezione della Ricevuta di Avvenuta Consegna ai sensi del
combinato disposto dell’art. 13 del D.M. 44/2011 e art. 16bis comma 7 del D.L. 179/2012

15)COSA FACCIO SE LA TERZA O LA QUARTA PEC NON MI ARRIVANO NELLE 24
ORE SUCCESSIVE ALLA SCADENZA DEL DEPOSITO?

Qualora i termini per il deposito siano scaduti e l’avvocato telematico si trovi in possesso della sola
ricevuta di avvenuta consegna (RdAC), ai sensi delle norme sopracitate l’atto si intenderà ricevuto
nella data e ora riportata sulla ricevuta di consegna. Tuttavia l’atto, seppur depositato nei termini,
non potrà essere posto a conoscenza del giudice e della controparte fino all’intervento manuale del
cancelliere che, accettando il deposito, renderà di fatto accessibile l’atto sulla consolle del
magistrato e su Polisweb. Qualora dunque trascorrano più di 24 ore tra la ricevuta di avvenuta
consegna e l’esito dell’intervento manuale da parte del cancelliere sarà opportuno inviare una PEC
di cortesia ai colleghi di controparte, allegando la memoria depositata in formato PDF,
rappresentando di aver adempiuto al deposito telematico nei termini. In questo modo si eviterà una
legittima richiesta di rimessione in termini della controparte, legittimata da un minor tempo per
replicare oltre a porre in essere un comportamento deontologicamente ineccepibile.

16)DEVO DEPOSITARE UN ATTO MA NON TROVO L’ATTO CORRISPONDENTE NEL
REDATTORE COME FACCIO?

Qualora si debba depositare un atto di cui non si trova riscontro nel redattore (ad es: nomina del
CTP, o istanze) è possibile utilizzare come tipo atto memoria generica o istanza generica. I più
comuni redattori consentono poi di inserire una nota per il cancelliere che consentirà di qualificare
il tipo di atto o di inserire istanze specifiche in seguito.

17) COME SI EFFETTUA UNA NOTIFICA IN PROPRIO A MEZZO PEC?

Il DL 90/2014 ha eliminato la preventiva autorizzazione del consiglio dell’ordine per notificare a
mezzo PEC, autorizzazione che ora è residuale e necessaria solo per le notifiche in proprio a mezzo
raccomandata.
Quali sono dunque i requisiti per procedere con la notifica a mezzo PEC?
1) Essere muniti di procura alle liti a norma dell’articolo 83 del codice di procedura civile (la
notifica non potrà dunque essere effettuata dal mero domiciliatario)
2) Possedere un dispositivo di firma digitale
3) Inviare le notifiche esclusivamente attraverso l’indirizzo PEC comunicato al proprio
consiglio dell’ordine
La notificazione dovrà poi potrà essere eseguita esclusivamente presso un indirizzo di posta
elettronica certificata ricavato da un pubblico elenco che allo stato sono i seguenti:

– ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente a regime dal 31.12.2014)
– INI-PEC (www.inipec.gov.it) (indirizzi PEC di professionisti iscritti in albi e imprese)
– ReGinDe (http://pst.giustizia.it/PST/it/pst_2.wp) (indirizzi PEC di avvocati e CTU)
– Registro Imprese (http://www.registroimprese.it/ricerca-libera-e-acquisto ) (imprese)
– Registro PP.AA. http://pst.giustizia.it/PST/ (PA)

L’oggetto del messaggio di posta elettronica certificata dovrà poi obbligatoriamente riportare
nell’oggetto la dicitura «notificazione ai sensi della legge n. 53 del 1994», mentre non sarà
necessario riportare alcuna dicitura nel corpo del messaggio, poiché inseriremo l’atto principale, la
relata di notifica e l’eventuale procura alle liti, come file allegati firmati digitalmente in formato
.p7m ed, eventualmente, anche una copia di cortesia degli atti non firmati digitalmente.
Ai sensi del comma 5 dell’art. 3bis della legge 53 del 1994 La relazione di notificazione dovrà
contenere:
il nome, cognome ed il codice fiscale dell’avvocato notificante; il nome e cognome o la
denominazione e ragione sociale ed il codice fiscale della parte che ha conferito la procura alle liti;
il nome e cognome o la denominazione e ragione sociale del destinatario; l’indirizzo di posta
elettronica certificata a cui l’atto viene notificato; l’indicazione dell’elenco da cui il predetto
indirizzo è stato estratto; l’attestazione di conformità di cui al comma 2; per le notificazioni
effettuate in corso di procedimento deve, inoltre, essere indicato l’ufficio giudiziario, la sezione, il
numero e l’anno di ruolo.”

Come si effettua una notifica in proprio a mezzo Pec?
In primo luogo è opportuno ricordare che, per eseguire la notifica, non è necessario un redattore atti
come per il deposito degli atti telematici ma potremo utilizzare il software di firma presente sul
nostro PC o sul nostro dispositivo di firma (se si tratta di token usb o business key) e la nostra PEC
(comunicata al consiglio dell’ordine) tramite client pec (ad es: Windows Mail, Thunderbird,
Outlook o Outlook Express) o web mail.
Occorre distinguere tuttavia tra notifica a mezzo PEC di atti redatti dall’avvocato e atti formati in
origine su supporto cartaceo (ad. Es: copia esecutiva di una sentenza o decreto ingiuntivo) o
scaricati dal fascicolo informatico.
Nel primo caso, ad esempio atto di citazione, l’atto da notificare e la relata di notifica dovranno
essere redatti con un elaboratore testi e poi convertiti in formato PDF testuale che allegheremo al
messaggio PEC dopo averli firmati digitalmente.
Anche per le notifiche in proprio a mezzo PEC, ai sensi dell’articolo 18 del Dm 44/2011 la procura
alle liti si considera apposta in calce all’atto cui si riferisce quando è rilasciata su documento
informatico separato allegato al messaggio di posta elettronica certificata mediante il quale l’atto è
notificato. La disposizione di cui al periodo precedente si applica anche quando la procura alle liti è
rilasciata su foglio separato del quale è estratta copia informatica, anche per immagine.
NB: Per firmare digitalmente il documento pdf creato potrete seguire le semplici istruzioni riportate
nelle videoguide su youtube ai seguenti link:
firme Aruba: http://youtu.be/w9fNP12Yo4Y firme infocert/lextel: http://youtu.be/L-BP1LzE2Fc

Esempio di relata di notifica a mezzo PEC di atto redatto dall’avvocato in formato pdf testuale (es.
Citazione)

RELATA DI NOTIFICA A MEZZO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA
ex art. 3bis Legge 21 gennaio 1994, n. 53
Ad istanza del sig. ______ (CF:______) rappresentato, difeso e domiciliato come in atti, io
sottoscritto avvocato ______ del Foro di _____ (CF: ______), ho notificato ad ogni effetto di legge,
l’allegato atto di citazione firmato digitalmente dal sottoscritto avvocato, unitamente alla procura
alle liti conferita dall’istante e autenticata con firma digitale dal sottoscritto difensore:
1) Tizio Spa (P. IVA/CF:_______), in persona del suo legale rappresentante pro-tempore, con
sede in ______ alla via _______ trasmettendone copia a mezzo posta elettronica certificata
all’indirizzo PEC@PEC.IT estratto dal registro degli indirizzi PEC delle imprese tenuto dal registro
delle imprese (O ini-pec)
Avv. ________ Luogo e data

Tuttavia se l’atto da notificare è costituto da un documento cartaceo (copia conforme di
provvedimento e atto cartaceo) o da un documento estratto da polisweb di cui si attesta la
conformità gli stessi potranno essere nel primo caso scansionati e allegati come pdf immagine
oppure semplicemente allegando il pdf estratto da polisweb. In questo caso si potrà firmare la sola
relata di notifica che conterrà l’attestazione di conformità e non anche gli atti allegati.
In particolare, qualora l’atto non dovesse consistere in un documento informatico (ad esempio una
copia conforme di una sentenza rilasciata in formato cartaceo), l’avvocato, ai sensi dell’art. 3bis
comma 2 provvederà ad estrarre copia informatica dell’atto formato su supporto analogico,
attestandone la conformità all’originale a norma dell’articolo 22, comma 2, del decreto legislativo 7
marzo 2005, n. 82. La notifica si esegue mediante allegazione dell’atto da notificarsi al messaggio
di posta elettronica certificata.
In questi ultimi due casi però occorre tener presente che le suddette notifiche potrebbero essere
soggette all’applicazione del DPCM 13 novembre 2014 recante le “Regole tecniche in materia di
formazione, trasmissione, copia, duplicazione, riproduzione e validazione temporale dei documenti
informatici nonché di formazione e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche
amministrazioni ai sensi degli articoli 20, 22, 23-bis, 23-ter, 40, comma 1, 41, e 71, comma 1, del
Codice dell’amministrazione digitale di cui al Decreto Legislativo n. 82 del 2005”

Prudenzialmente, volendo apporre l’hash e il riferimento temporale nella nostra relata di notifica
segnaliamo l’esistenza di numerose utility on line o software che consentono il calcolo dell’hash
(http://youhash.com/ , http://hashcalc.soft112.com/ , http://www.comped.it/it/prodotti/90-compedsoftware-gratuito/117-scarica-digitalsign-reader
, http://www.sala.it/generatore-impronta-sha-256/),
o in alcuni casi come l’app proposta dalla FIIF (Fondazione Italiana per l’Innovazione
Forense(http://www.pergliavvocati.it/relatapec/ http://apps.dirittopratico.it/notifica.html
http://www.agenziagiuffresalerno.it/) la generazione di una relata di notifica già pronta.
Per il calcolo sarà bene selezionare l’algoritmo Sha-256 (standard delle firme digitali) e, dopo aver
caricato il file di cui desideriamo estrarre l’impronta, otterremo il codice alfanumerico di 64
caratteri che inseriremo nella relata di notifica insieme al riferimento temporale che dovrà essere
inserito nel seguente formato HH:MM:SS del GG.MM.AAAA (UTC +1.00) (l’orario è attestato da
noi e potremo tranquillamente inserire l’ora del computer avendo cura di sincronizzarla cosa che in
genere avviene in automatico per impostazione del sistema operativo)
Le relate di notifica tipo potrebbero dunque essere costruite secondo i seguenti modelli:

1) Relata di notifica provvedimento estratto da polisweb:
RELATA DI NOTIFICA A MEZZO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA
ex art. 3bis Legge 21 gennaio 1994, n. 53
Ad istanza del sig. ______ (CF:______) rappresentato, difeso e domiciliato come in atti, io
sottoscritto avvocato ______ del Foro di _____ (CF: ______), ho notificato ad ogni effetto di legge,
Copia informatica del decreto/sentenza emesso/a dal Tribunale di ________ GI_____ sez______
n._____ del_____ nel fascicolo di cui al n. di RG:_______, estratta dal sottoscritto difensore alle
ore 01:06:17 del 13.1.2015 (UTC +1.00) nome file: decretoingiuntivo.pdf con il seguente hash
calcolato mediante algoritmo sha-256 ______ di cui si attesta la conformità al corrispondente atto
contenuto nel fascicolo informatico ai sensi dell’art. 16bis comma 9bis del decreto-legge 18
ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221 come
modificato dall’articolo 52 del decreto-legge n. 90 del 24 giugno 2014 a:
1) ______ (CF: ____________), rappresentata e difesa dall’avv. _________ (CF: _______) ed
elettivamente domiciliata presso lo studio dell’avv. _______ (CF: ______), in Milano, alla
via _______ n. _____trasmettendone copia a mezzo posta elettronica certificata all’indirizzo
PECAVVOCATO@PEC.IT estratto dal registro generale degli indirizzi elettronici tenuto
presso il ministero della giustizia
Avv. _________ Luogo e data
2) Tizio Spa (P. IVA/CF:_______), in persona del suo legale rappresentante pro-tempore, con
sede in ______ alla via _______ trasmettendone copia a mezzo posta elettronica certificata
all’indirizzo PEC@PEC.IT estratto dal registro degli indirizzi PEC delle imprese tenuto dal registro
delle imprese (O ini-pec)
Avv. ________ Luogo e data

 

2) Relata di notifica di Atto/provvedimento cartaceo o copia conforme/esecutiva cartacea di
esso:

RELATA DI NOTIFICA A MEZZO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA
ex art. 3bis Legge 21 gennaio 1994, n. 53
Ad istanza del sig. ______ (CF:______) rappresentato, difeso e domiciliato come in atti, io
sottoscritto avvocato ______ del Foro di _____ (CF: ______), ho notificato ad ogni effetto di
legge, copia informatica della copia conforme all’originale di______ emessa dal Tribunale di
______ sezione ______ GI dott.______ nel procedimento di cui al n. di _______estratta dal
sottoscritto difensore alle ore 01:06:17 del 13.1.2015 (UTC +1.00) nome file: nomefile.pdf con
il seguente hash calcolato mediante algoritmo sha-256 ______ di cui si attesta la conformità alla
copia conforme all’originale cartacea ai sensi dell’articolo 22 del decreto legislativo del 7 marzo
2005 n. 82 a:
1) ______ (CF: ____________), rappresentata e difesa dall’avv. _________ (CF: _______) ed
elettivamente domiciliata presso lo studio dell’avv. _______ (CF: ______), in Milano, alla
via _______ n. _____trasmettendone copia a mezzo posta elettronica certificata all’indirizzo
PECAVVOCATO@PEC.IT estratto dal registro generale degli indirizzi elettronici tenuto
presso il ministero della giustizia
Avv. _________ Luogo e data
2) Tizio Spa (P. IVA/CF:_______), in persona del suo legale rappresentante pro-tempore,
con sede in ______ alla via _______ trasmettendone copia a mezzo posta elettronica certificata
all’indirizzo PEC@PEC.IT estratto dal registro degli indirizzi PEC delle imprese tenuto dal
registro delle imprese (O ini-pec)
Avv. ________ Luogo e data

E’ opportuno ricordare poi che all’articolo 8 si aggiunge il comma 4bis che prevede che, alle
notifiche effettuate a mezzo posta elettronica certificata, non si applichino le disposizioni relative
alla tenuta del registro cronologico, con la logica conseguenza che le notifiche effettuate a mezzo
PEC non dovranno essere annotate sullo stesso.
A differenza degli atti telematici la legge prevede che la notifica si perfezioni, per il notificante con
la ricevuta di accettazione (cd. RdA), mentre per il destinatario nel momento in cui viene generata
la ricevuta di avvenuta consegna (cd. RdAC) che, stando alla littera legis, dovrà essere quella
completa ovvero contenere il messaggio di posta elettronica e i suoi allegati per intero.
(quest’ultima verifica potrà essere effettuata autoinviandosi un messaggio PEC con un allegato e se
la ricevuta di consegna contiene l’allegato sarete pronti ad effettuare notifiche a mezzo PEC
diversamente dovrete configurare il vostro gestore PEC in modo tale da restituirvi una ricevuta
completa)
E’ importante inoltre porre l’attenzione sull’esistenza della norma dell’art. 147 c.p.c. che stabilisce
che le notificazioni possono farsi dalle ore 7 alle ore 21. L’articolo 16-septies d.l. 179/2012
rubricato tempo delle notificazioni con modalità telematiche statuisce che se effettuate dopo le ore
21, le notifiche telematiche si considereranno perfezionate il giorno successivo.
Sarà poi importante conservare le ricevute di presa in carico, consegna e relativi allegati che
potranno essere stampate ed esibite in giudizio, preferibilmente in formato elettronico con deposito
telematico, avendo cura di salvare le stessa in formato .eml o .msg e non come stampa pdf o
scansione.
In ogni caso l’articolo 9 della legge 53 del 1994 prescrive che, qualora non fosse possibile
depositare in forma telematica il messaggio di posta elettronica certificata i suoi allegati e le
ricevute, sarà comunque possibile depositare copia analogica asseverandone la conformità ai sensi
dell’articolo 23 del codice dell’amministrazione digitale, ipotesi che allo stato attuale dovrebbe
essere la più frequente. In questo ulteriore caso dunque provvederemo a stampare copia integrale
del messaggio di posta elettronica con i relativi allegati e le due ricevute (RdA e RdAC)
apponendovi in calce la seguente attestazione datata e firmata (Tale asseverazione dovrà essere
effettuata per ciascun documento):

ATTESTAZIONE DI CONFORMITA’ AI SENSI DELL’ARTICOLO 23 COMMA 1 DEL CAD

Ai sensi e per gli effetti del combinato disposto degli artt. 9 comma 1 bis e 6 comma 1 della L.
53/94 e dell’art. 23 comma 1 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 e ss.mm. si attesta la
conformità della presente copia cartacea all’originale telematico da cui è stata estratta.

Data e Luogo Avv. ________