Legalius

L'alleato per la difesa dei tuoi diritti

Home » Blog » Usura bancaria » Come le banche ti impediscono di lavorare

Come le banche ti impediscono di lavorare

Come le banche ti impediscono di lavorare

Vediamo come le banche ti impediscono di lavorare, come ti possono portare ad una vera e propria morte sociale impedendo alla tua azienda di lavorare e soprattutto analizziamo se vi è possibilità per uscire da una situazione simile

Quando le cose vanno bene….

Fin che tutto va bene le banche sono “amiche”.

Grandi sorrisi del direttore quando ti rechi presso lo sportello a versare e magari il funzionario viene a prendere il caffè con te.

Se chiedi un prestito te lo danno in due giorni e tutto sembra filare per il meglio

Quando le cose vanno male…..

Se sfortunatamente il vento cambia di rotta e le cose iniziano ad andar male, quei sorrisi si trasformano in telefonate incessanti per farti rientrare e minacciarti il pignoramento della Tua casa.

Quando ti trovi, purtroppo, in questa situazione le banche possono portarti ad una vera e propria morte sociale e per farlo ti impediscono di lavorare.

Lo scopo delle banche

Il loro scopo, se sei in difficoltà, non è quello di cercare di aiutarti a risanare la situazione ma quello di cercare di prendere tutti i tuoi beni se ce l’hai (altrimenti ti proporranno uno stralcio).

Come possono farlo?

Supponiamo che tu abbia un fido di 150.000 e tu abbia due abitazioni ( una principale ed una secondaria) di valore rispettivamente di 200.000 e l’altra di 100.000.

Non sei più riuscito a rientrare nel fido e stai andando sotto per difficoltà economiche della tua azienda.

La banca ti ha chiesto il rientro immediato nel fido che non hai potuto versare e così la banca te lo ha tolto ed ora devi rientrare di oltre 150.000 : il tuo debito ad oggi ammonta a 160.000 euro e sta aumentando sempre più a causa degli interessi di mora.

 

La banca, però, non ti fa subito gli atti perché non ha interesse e sai perchè?

Perché intanto gli interessi di mora aumentano in maniera spropositata e quel debito da 160.000 diverrà presto di 200.000 e aumenterà ancora sino a quanto non avrà raggiunto l’importo che la banca potrà ricavare dalla vendita delle tue case : a quel punto partirà il decreto ingiuntivo ed il pignoramento.

Ma la tua azienda sta iniziando a riprendersi e quindi hai la speranza di poter risolvere la situazione ed evitare il peggio.

Devi ricevere diversi pagamenti e se rientri di quelli potrai pagare i fornitori e rientrare in pista….

Peccato che la banca te lo impedisca….

Come le banche ti impediscono di lavorare

Tutti i soldi che riceverai e verserai sul conto, la banca, in automatico, li preleverà per andare a compensare il debito che intanto continuerà ad aumentare.
<p=align”center”>

Non potrai, quindi, pagare i fornitori e l’ingranaggio della tua azienda si bloccherà.

La soluzione è quella di aprire un altro conto corrente in altra banca ma, con segnalazioni varie, la banca te lo impedisce: Scacco matto!

La Tua banca che prima Ti era amica ha appena decretato la Tua MORTE SOCIALE.

E le conseguenze di ciò sono, spesso, sulle cronache di tutti i giorni: LEGGI L’ARTICOLO

Puoi uscire da questa situazione?

I modi per uscire da questa situazione vi sono.

In un altro ARTICOLO che ho pubblicato ho già affrontato di come dovrai opporti al decreto ingiuntivo e bloccare l’azione della banca.

Vediamo, invece, nel video  come risolvere il problema del conto corrente bloccato

 

Se vuoi affidarmi la tua pratica scrivimi:

info@bartolinistudiolegale.com

e sarò lieto di ascoltarti e difenderti nel migliore dei modi

Lascia un commento

Prenota il tuo appuntamento online

Vai al calendario Prenota un appuntamento

Difendi i tuoi diritti

Come scegliere l’avvocato giusto per te in 5 semplici passi