Legalius

L'alleato per la difesa dei tuoi diritti

Home » Blog » Varie » Agenzia delle Entrate: ecco i fatti!

Agenzia delle Entrate: ecco i fatti!

Agenzia delle Entrate: ecco i fatti!

Agenzia delle Entrate: in pratica ecco come lo Stato riesce ad indebitarti sempre di più facendoti credere che lo “sportello amico” ti darà una mano quando, poi, quella mano ti condurrà diretto nelle sabbie mobili.

Una multa non pagata, tasse non pagate, multe su presunte irregolarità nella dichiarazione dei redditi e così via: hai imboccato una strada senza ritorno pur non sapendolo.

Come si comporta l’Agenzie delle Entrate nei confronti dei debitori

Devi sapere, prima di tutto, che l’ente che deve ricevere il pagamento del tributo, della multa ecc. una volta constatato il mancato pagamento, passa la palla ad Equitalia che oggi è stata sostituita dall’Agenzia delle Entrate Riscossione che ha il compito di tentare in tutti i modi di farti pagare quello che loro ritengono dovuto.

I premi

Se ci riesce ottiene un bel premio: i c.d. oneri di riscossione e cioè la percentuale sulle somme riscosse che gli esattori sono autorizzati a trattenere a titolo di compenso.
Gli oneri di riscossione sono il 3% se il pagamento avviene nei 60 gg. Dall’emissione della cartella e il 6% se si va oltre.

Gli interessi

Poi ci sono gli interessi di mora pari al 3,5% da calcolarsi sul tributo non pagato ma che l’Agenzia calcola sia sul tributo che sulla sanzione.

La sanzione

Poi vi è anche la sanzione che può variare da un minimo del 30% sino al 100% dell’intero capitale.
Quindi ti arriva a casa la cartella esattoriale, che è il primo atto dell’Agenzia delle Entrate, con la sommatoria di tutte le voci di cui ti ho appena accennato.

La rateizzazione

In questi casi probabilmente richiederai una rateizzazione sino a 72 rate per riuscire a pagare, rate che ovviamente verranno aumentate degli interessi di rateizzazione .
Quindi dal tributo iniziale, ricapitolando, vi sarà aggiunto la sanzione, gli oneri di riscossione, gli interessi di mora, gli interessi di rateizzazione che vanno dal 4.5% al 6%.

Se non è approfittarsi questo delle persone in difficoltà onestamente non saprei cosa lo possa essere! E purtroppo le cronache troppo spesso hanno evidenziato tragedie personali occorse a coloro che erano vessati dalle banche e dalla Agenzia delle Entrate.

Lo sportello Amico

Questo è infatti l’aiuto che lo Stato dà a chi è in difficoltà economica e non è riuscito a pagare e tutta questa procedura la si potrà avviare presentandosi ad uno sportello dell’Agenzia di riscossione che viene definito persino Sportello Amico!
Se poi richiesta la rateizzazione tu dovessi saltare una sola rata, l’accordo preso non sarà più valido e l’Agenzia potrà richiederti tutta la somma rimanente.

Come ti può aggredire l’Agenzia delle Entrate?

Devi sapere che l’Agenzia delle Entrate può, prima di mettere un fermo amministrativo sul tuo veicolo se non paghi il dovuto entro 30 gg.: per farlo, però, ti deve preavvertire.
Se sei un dipendente può pignorarti il 10% della tua busta paga se inferiore a 2500 euro of il 20% se superiore; se sei a partita iva ti può pignorare tutto.
Ti può mettere una ipoteca sulla casa e solo se è la prima casa non può venderla almeno che il debito non superi i 120.000 euro.

La casa però non me la può pignorare: sei proprio convinto?

Quindi almeno su questo ti senti sicuro perchè la casa non te la porterà via nessuno!
Sbagliato!
Forse non sai che il governo sta pensando di cedere i crediti dell’Agenzia delle Entrate a terzi ( banche e finanziarie): operazione che si presume farà entrare oltre 4 miliardi di euro nella casse dello Stato. Se così sarà sappi che il privato può pignorarti la casa anche per poche migliaia di euro e la tua casa sarà tutt’altro che salva.

Se hai problemi con l’Agenzia delle Entrate, o hai ricevuto cartelle esattoriali ed hai bisogno di assistenza, contattami a

INFO@BARTOLINISTUDIOLEGALE.COM

Lascia un commento

Prenota il tuo appuntamento online

Vai al calendario Prenota un appuntamento

Difendi i tuoi diritti

Come scegliere l’avvocato giusto per te in 5 semplici passi