Legalius

L'alleato per la difesa dei tuoi diritti

Home » Blog » Usura bancaria » Il Tasso di interessi moratori non va calcolato ai fini dell'usura secondo l'ABF

Il Tasso di interessi moratori non va calcolato ai fini dell'usura secondo l'ABF

imagesCon decisione n. 2666 del 30 aprile 2014, il Collegio di coordinamento dell’Arbitro Bancario Finanziario ha affermato come il tasso degli interessi moratori non sia suscettibile di determinare il superamento del limite di usura imperativamente posto dall’art. 644, 3° comma, c.p.  e dall’art. 4, 2° comma, l. n. 108 del 1996 (c.d. tassi soglia).Tale impostazione ha incidenza, sul piano civilistico, per quanto attiene l’ambito applicativo dell’art. 1815, comma 2 c.c., secondo cui se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi.Sul tema la suprema Corte di Cassazione, con sentenza 9 gennaio 2013, n. 350, aveva affermato il principio secondo cui, ai fini dell’applicazione dell’art. 1815 c.c. e dell’art. 644 c.p., si considerano usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge al momento in cui sono promessi o comunque convenuti a qualunque titolo, e quindi anche a titolo d’interessi morator

Lascia un commento

Prenota il tuo appuntamento online

Vai al calendario Prenota un appuntamento

Difendi i tuoi diritti

Come scegliere l’avvocato giusto per te in 5 semplici passi