Legalius

L'alleato per la difesa dei tuoi diritti

Home » Blog » Usura bancaria » Il Trust: una tutela contro le banche

Il Trust: una tutela contro le banche

Il trust : una tutela contro le banche

Il trust: una  tutela  contro le  banche.

Ovvero….come rendere i propri beni impignorabili? Ho già parlato, in un altro post di quali beni la banca non ti può pignorare: leggi qui per approfondimenti.

Oggi vediamo un altro strumento molto interessante ed efficace per difendersi.

Prima di tutto devi sapere che , spesso, tutelarsi contro le banche vuol dire prevenire i tempi bui e quindi tutelare il proprio patrimonio nel caso in cui poi le cose vadano male e le banche ci aggrediscano.

Uno degli strumenti più sicuri che abbiamo per tutelarci è quello di istituire un Trust.

Cos’è il trust

Il trust è un istituto giuridico di origine anglosassone che ha come finalità quella di separare, dal patrimonio di un soggetto, alcuni beni per il perseguimento di specifici interessi a favore di determinati beneficiari o per il raggiungimento di uno scopo determinato, attraverso il loro affidamento e la loro gestione a una persona (cd. “trustee”) .

Il trust è legittimo?

Il “trust” nel nostro ordinamento è pienamente legittimo in virtù della ratifica da parte dell’Italia della Convenzione dell’Aja del 1 luglio 1985, entrata in vigore il 1 gennaio 1992 anche se non regolamentato esplicitamente dalla legge italiana : qui è per alcuni aspetti il suo punto di forza.

Infatti la legge applicabile potrà essere scelta volontariamente dal disponente nell’ambito delle giurisdizioni che ammettano e disciplinano in modo specifico il trust quali l’Inghilterra: la legge inglese è proprio quella più usata in questo tipo di operazioni.

Il trustee

La proprietà legale del trust, attribuita al trustee,rende quest’ultimo unico titolare dei relativi diritti (seppure nell’interesse dei beneficiari o per il perseguimento dello scopo definito), nonostante i beni restino segregati nel patrimonio del trust e diventino estranei, quindi, al patrimonio sia del disponente che a quello personale del trustee.

Il guardiano o protector

Nel trust viene poi spesso prevista la figura del cosiddetto guardiano o protector al quale, possono essere attribuite quattro funzioni:
i) l’esercizio di poteri dispositivi o gestionali (comunemente la revoca e nomina trustee);
ii) esprimere il proprio placet sulle determinate decisioni assunte dal trustee;
iii) Impartire direttive o istruzioni al trustee per compimento specifici atti
iv) funzione di controllo sull’operato del trustee.

Guarda il video del post

Il disponente

Il disponente, invece, è colui che decide di istituire il trust, conferendo determinati suoi beni (mobili immobili, materiali o immateriali) nel Trust, beni che costituiscono una massa patrimoniale separata e distinta da quella del Disponente e del Trustee. Per questa fondamentale differenza, il Trust è lo strumento attuale più idoneo a proteggere il proprio patrimonio.
I beni intestati al Trustee non entrano a far parte del suo patrimonio personale e sono insensibili alle vicende personali, familiari, successorie e fiscali sia del Disponente che del Trustee.

Usualmente il trust viene istituito a protezione di beni immobili: si realizza così una vera e propria “protezione” patrimoniale in quanto i beni diventano impignorabili.

Già da queste brevi indicazioni è possibile capire come il trust sia  un’istituto che può essere usato per difendersi dalle banche in via preventiva.

Infatti i propri beni di cui si potrà avere la titolarità e la disponibilità non faranno più capo al soggetto debitore dell’astuto bancario e non potranno pertanto essere pignorati.

Una considerazione: bisogna far attenzione alla revocatoria

Il trust: una tutela contro le banche. Ma quando?

E’ ovvio che se vorrai, ad esempio, mettere i tuoi beni immobili in trust (trust immobiliare) debba essere istituito non quando la causa della banca è iniziata od in essere ma in tempi non sospetti visto che solo con il trascorrere del quinquennio diverrà non più soggetto ad azione revocatoria.

Se vuoi affidarmi la Tua pratica scrivimi :

info@bartolinistudiolegale.com

e sarò lieto di ascoltarti e difenderti nel migliore dei modi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Prenota il tuo appuntamento online

Vai al calendario Prenota un appuntamento

Difendi i tuoi diritti

Come scegliere l’avvocato giusto per te in 5 semplici passi