PUNTI PATENTE: COME EVITARE DI FARSELI SOTTRARRE IN ALCUNI CASI

Spesso quando si viene sanzionati la cosa più grave e che ci da più fastidio sono i punti sulla patente. Quando la multa non viene contestata immediatamente ad esempio nel caso di rilevazione di autovelox o semaforo rosso oltre alla sanzione per l’infrazione ci arriva anche un modulo per la dichiarazione dei dati del conducente ai fini della detrazione dei punti. In caso di omessa indicazione ed invio di questi dati da effettuarsi entro 60 giorni dalla notifica, si incorre in una ulteriore sanzione a volte più onerosa di quella principale ( da euro 282 ad euro 1142) .Un possibile escamotage per sottrarsi a questa ulteriore sanzione e alla detrazione dei punti era quello di inviare una raccomandata al comando che aveva elevato la contravvenzione facendo presente di non sapere chi fosse alla guida giustificando anche astrattamente il motivo , attendere la multa e poi fare opposizione al giudice di pace. Questo metodo ha funzionato alcune volte anche se non vi era certezza di riuscita. Infatti alcuni giudici aderivano ad una interpretazione rigida secondo cui il proprietario della vettura è tenuto a sapere sempre chi la guida (se non altro per accertarsi che abbia la patente) e anche in caso di uso auto aziendale tra più dipendenti si riteneva necessario tenere un registro dati per questa evenienza.

Ed ecco che interviene la Cassazione con ordinanza del 18 aprile rendendo ufficiale questo metodo.

La pronuncia della Suprema Corte permette così di evitare la decurtazione dei punti al proprietario del veicolo essendo sufficiente dimostrare di non essere in grado di ricordare chi fosse alla guida al momento dell’infrazione, ad esempio perché l’auto è di uso comune tra più persone. La comunicazione va in ogni caso fatta per iscritto specificando di non poter identificare chi ha commesso l’infrazione .E illegittimo è anche prevedere una multa per il proprietario per mancata custodia del bene mobile.

Una novità non da poco che potrà farci risparmiare diversi soldini.

Write a comment:

*

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© 2015 STUDIOLEGALEBARTOLINI.COM

Realizzato da:  CityWeb Italy

SOCIAL: